Regione Veneto

Misure straordinarie per il contenimento dell'inquinamento atmosferico - dal 01.04.2021

Pubblicata il 27/04/2021

Ultimo aggiornamento: 27/04/2021
ATTUALE LIVELLO DI ALLERTA: VERDE
Tutte le informazioni sulle limitazioni sono consultabili nel paragrafo sotto indicato.

Fino al 30.04.2021 il Comune di Saonara addotta il pacchetto di misure STRAORDINARIE per la qualità dell’aria, approvate con DGR n. 238 del 2 marzo 2021, in esecuzione della sentenza del 10 novembre 2020 della Corte di Giustizia Europea, la quale ha condannato l’Italia per aver superato, nelle zone interessate dalla sentenza, in maniera sistematica e continuata, dal 2008 al 2017 incluso, i valori limite giornaliero e annuale fissati per il parametro PM10.

Si precisa che nella Regione del Veneto il superamento si è verificato per il solo valore limite giornaliero, non per il valore medio annuale che, ormai da anni, risulta ampiamente rispettato.

In esecuzione della sentenza si rende necessaria l’adozione di misure straordinarie, condivise con le Regioni del Bacino Padano, finalizzate al raggiungimento dei valori limite di qualità dell’aria nel più breve tempo possibile. Si tratta di interventi integrativi alle misure previste precedentemente dall’Accordo di Bacino Padano e dal P.R.T.R.A.

I provvedimenti sono strutturati su “livelli di allerta”, da verde a rosso, in funzione della qualità dell'aria, secondo un meccanismo di attivazione legato ai superamenti del valore limite giornaliero di legge per il PM10 ed alle previsioni meteo che verranno comunicate da Arpav. allerta tutte

Il Comune di Saonara ha stabilito quanto segue fino al 30 Aprile 2021:


 Limitazioni d'esercizio degli impianti termici e delle combustioni all'aperto

Le misure prevedono tre livelli di allerta e restano in vigore, almeno, fino alla comunicazione successiva di Arpav in merito ai livelli di concentrazione di PM10.
Il bollettino emesso da Arpav è consultabile all’indirizzo www.arpa.veneto.it.

 

alert1 Livello di allerta Verde


Livello di allerta Verde (nessun superamento del valore limite di 50 µg/m3 di PM10, inferiore a 4).
Limitazione della temperatura media degli ambienti, misurata ai sensi del DPR 74/2013, non deve superare i 19°C (con tolleranza di 2°C) nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali.

E' previsto inoltre:
Divieto di installazione di generatori di calore alimentati a biomassa con una classe di prestazione emissiva inferiore alla classe "4 stelle" e di continuare ad utilizzare generatori a biomassa con una classe di prestazione emissiva inferiore a "3 stelle" (classificazione ai sensi del Decreto Ministero Ambiente del 07/11/2017 n. 186) in presenza di impianto di riscaldamento alternativo.
Obbligo di utilizzare, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, pellet che, oltre a rispettare le condizioni previste dall’Allegato X, Parte II, sezione 4, paragrafo 1, lettera d) alla parte V del decreto legislativo n. 152/2006, sia certificato conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2 da parte di un Organismo di certificazione accreditato, prevedendo altresì obblighi di conservazione della documentazione pertinente da parte dell’utilizzatore;
Divieto di combustione all’aperto di piccoli cumuli di residui vegetali derivanti da attività agricole e forestali (salve le necessità di combustione finalizzate alla tutela sanitaria di particolari specie vegetali);
Obbligo di interramento dei concimi a base di urea entro le 24 ore dallo spargimento.
Il provvedimento ha efficacia su tutto il territorio comunale.
 

alert2 Livello di allerta arancio

Livello di Allerta Arancio (si attua con 4 gg.consecutivi di superamento del valore limite di 50 µg/m3 di PM10)
Limitazione della temperatura media degli ambienti, misurata ai sensi del DPR 74/2013, non deve superare i 18°C (con tolleranza di 2°C) nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali.

E' previsto inoltre, in aggiunta a quanto già previsto per il livello Verde:
Divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “4 stelle” in base alla classificazione ambientale introdotta dal Decreto Ministero Ambiente del 07/11/2017 n. 186;
Divieto di combustione all’aperto di residui vegetali e divieto assoluto, per qualsiasi tipologia (falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio, scopo intrattenimento, etc…), di combustioni all’aperto anche relativamente alle deroghe consentite dall’art. 182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco;
Divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di specifica disposizione regionale, divieto di rilasciare le relative deroghe. Sono fatti salvi gli spandimenti mediante iniezione o con interramento immediato (fino al 15/04);

 

alert2 Livello di allerta Rosso

Livello di Allerta Rosso (si attua dopo 10 gg.consecutivi di superamento del valore limite di 50 µg/m3 di PM10)
Limitazione della temperatura media degli ambienti, misurata ai sensi del DPR 74/2013, non deve superare i 18°C (con tolleranza di 2°C) nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali.11.

E' previsto inoltre, in aggiunta a quanto già previsto per il livello Arancio:
Lavaggio strade (solo con temperature maggiori di 3° C);

Provvedimenti adottati: ordinanza n.15 del 14.04.2021


Limitazioni del traffico fino al 30.04.2021

Anche per tutto il mese di Aprile 2021, il Comune di Saonara adotta misure per contenere l'inquinamento atmosferico e ridurre le concentrazioni di PM10 nel territorio. Tali misure sono adottate sulla base delle disposizioni STRAORDINARIE previste dalla DGR n.238 del 2 marzo 2021, esposte durante il Tavolo Tecnico Zonale della Provincia di Padova del 24 marzo 2021. Le misure prevedono tre livelli di allerta e restano in vigore, almeno, fino alla comunicazione successiva di Arpav in merito ai livelli di concentrazione di PM10.

Arpav effettua, ogni lunedì e giovedì (giorni di controllo), le verifiche sui giorni antecedenti e comunica aiComuni i livelli di allerta raggiunti ed il rientro dai livelli di allerta.
Questi restano in vigore fino al giorni di controllo successivo compreso.
Il bollettino emesso da Arpav è consultabile all'indirizzo www.arpa.veneto.it

E' possibile verificare la classe Euro del proprio veicolo digitando la targa sul "Portale dell'automobilista"
 

alert1 Livello di allerta Verde
(numero di gg. consecutivi di superamento, del valore limite di 50 µg/m3 di PM10, inferiore a 4)  


E' vietata la circolazione di:

  • veicoli alimentati a benzina Euro 0 e Euro 1;
  • veicoli alimentati a diesel Euro 4 (*);
  • motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell'01/01/2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE.
(*) Solamente per il livello “nessun allerta – colore verde”, l’estensione della limitazione alla circolazione degli autoveicoli alimentati a gasolio (Diesel) Euro 4 rimane sospesa fino alla cessazione dello stato di emergenza sanitaria per contagio da covid-19, come stabilito con Decreto n.1 del 08/01/2021;

Le limitazioni vengono applicate fino al 30.04.2021 nei giorni feriali, dal lunedì al sabato dalle ore 8:30 alle 18:30.
Inoltre è obbligatorio lo spegnimento del motore dei veicoli merci, durante le fasi di carico/scarico, e degli autoveicoli in caso di coda "lunga" ai semafori.

 
alert2 Livello di allerta arancio
(si attua con 4 gg.consecutivi di superamento del valore limite di 50 µg/m3 di PM10).

E' vietata la circolazione di:
  • veicoli alimentati a benzina Euro 0 e Euro 1;
  • veicoli alimentati a diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4;
  • Autovetture private a diesel Euro 5;
  • motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell'01/01/2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE.
Le limitazioni vengono applicate fino al 30.04.2021, tutti i giorni dalle ore 8:30 alle 18:30.
Inoltre è vietato, per tutti i veicoli, sostare con il motore acceso.
Le misure restano in vigore almeno fino alla comunicazione successiva di Arpav in merito ai livelli di concentrazione di PM10.

 
alert2 Livello di allerta rosso
(si attua dopo 10 gg.consecutivi di superamento del valore limite di 50 µg/m3 di PM10).

E' vietata la circolazione di:
  • veicoli alimentati a benzina Euro 0 e Euro 1;
  • veicoli alimentati a diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4;
  • Autovetture private a diesel Euro 5;
  • motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell'01/01/2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE;
  • veicoli commerciali leggeri (N1) fino a Euro 5 diesel.
Le limitazioni vengono applicate fino al 30.04.2021, tutti i giorni dalle ore 8:30 alle 18:30.
Inoltre è vietato, per tutti i veicoli, sostare con il motore acceso.
 

DOVE
In tutto il territorio comunale, ad eccezione delle seguenti vie e aree:
Zona artigianale e accessi su via Mazzini, Friuli e Viale Veneto;
via dei Vivai;
via Vittorio Emanuele tratto compreso tra via Villanovoa e via Roma;
via Vigonovese;
via Mazzini fino all'area parcheggio bus n.15 tratto compreso tra la via dei Vivai e via XX Settembre - tratto via XX Settembre comprendente l'area di manovra sulla rotonda e quello prospicente la predetta area parcheggio.

VEICOLI IN DEROGA E "TITOLO AUTORIZZATORIO"
Possono circolare i veicoli com motore elettrico o ibrido (motore elettrico o termico) e veicoli alimentati a GPL o gas metano.
Tutte le altre deroghe sono consultabili nell'ordinanza n. 14 del 14.04.02021
Sono previste ulteriori autorizzazioni da documentare con "titolo autorizzatorio". Il "titolo autorizzatorio" è una dichiarazione sottoscritta dal consucente che deve contenere gli astremi del veicolo, le indicazioni dell'orario, del luogo di partenza e di destinazione, oltre alla motivazione del transito.
Il modulo  di "titolo autorizzatorio" è scaricabile nella sezione → Modulistica / Polizia Locale - Viabilità

 


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto